PIETRO NARDINI (1722-1793) DA LIVORNO ALL’EUROPA

Catalogo tematico delle opere

un saggio monografico a cura di Federico Marri e Marie Rouquié

 

 

Pietro Nardini fu violinista tra i più celebrati del secondo Settecento, esponente di spicco dell’antica tradizione italiana e, in particolare, della scuola tartiniana, la cui identità stilistica risiedeva nel cantabile, nell’ornamentazione espressiva degli adagio, e nel magistrale virtuosismo tecnico; una scuola che il violinista livornese continuò a Firenze e che formò eccellenti strumentisti.
Accostarsi a Nardini significa accettare di introdursi nella complessità determinata dal trovarsi «tra due stili»: la ricerca di significati, di discorsi e di affetti propri della musica barocca viene infatti trascritta da lui in un linguaggio nuovo, costituito da un registro prevalentemente elegante, ricco di colori musicali e pieno di spirito, che dà il tono alla musica che sta per arrivare. 

Questo catalogo vuole essere la porta per entrare nell’opera di un violinista-compositore che suscitò l’interesse dei Mozart e di numerosi altri suoi contemporanei, e che oggi sembra tornato al centro dell’attenzione degli esecutori più consapevoli.

SCONTO del 10% 

Per ottenere lo sconto

inserire il codice SC10 nell’apposito campo “codice promozionale” al momento dell’ordine.

Hanno scritto di questo libro…

 

Il volume non costituisce solo un repertorio da consultare, come vorrebbe la specifica natura di questi strumenti, funzionali allo studio e alla ricerca. È anche un libro che in ampia parte si fa leggere: nel senso che – escluse le imprescindibili note tecniche di mero carattere bibliografico e biblioteconomico – gli apparati introduttivi a ciascuna sezione del catalogo, e persino alcune schede particolarmente estese, forniscono informazioni che vanno ben al di là della pura contingenza delle fonti quali oggetti, contestualizzandole nell’epoca e nella biografia di Nardini con generosità di riferimenti a eventi musicali, istituzioni sacre e laiche, relazioni fra editori, musicisti, interpreti, nobili e aristocratici, dedicatari.

È un lavoro che non può non aver richiesto anni di intenso, costante e certosino lavoro; il risultato è decisamente di alto livello scientifico.

 

(Francesco Passadore, in Rivista Italiana di Musicologia, LIII 2018)

FEDERICO MARRI

Laureato in filosofia all’Università di Bologna e diplomato in pianoforte al Conservatorio di Milano nel 1977, è stato bibliotecario del Conservatorio di musica “Luigi Canepa” di Sassari dal 1978 al 1983; dal 1983 è docente di Storia ed estetica musicale e bibliotecario dell’Istituto superiore di studi musicali “Pietro Mascagni” di Livorno. La sua attività si è sviluppata nei settori della biblioteconomia musicale, della critica musicale e della musicologia. Dal 1986 coordina il progetto “Poeti e musicisti livornesi tra XVIII e XIX secolo” promosso dall’Istituto “Mascagni”. È stato membro dei comitati scientifici delle collane “Studi musicali toscani” e “I libretti di Giovanni De Gamerra”.

 

MARIE ROUQUIÉ

Si è diplomata brillantemente in violino al Conservatoire National Supérieur de Musique di Lyon e al Koninklijk Conservatorium de L’Aja, specializzandosi nell’interpretazione del repertorio antico.

Fortemente interessata alla diversità degli stili musicali, alla loro applicazione su uno strumento tanto complesso come il violino e alle molteplici tecniche espressive che ne derivano, partecipa a numerosi progetti artistici che le permettono di approfondire e di raffinare la sua conoscenza di stili e di compositori.

Dal 2010 è docente di violino barocco al “Centre d’Études Supérieures de Musique et Danse” del Poitou-Charentes.